Sostieni SOS corruzione

Com’è possibile che in una nazione martoriata dalla corruzione l’unico sportello gratuito per le segnalazioni dei cittadini debba essere gestito da volontari? Un servizio di orientamento contro la corruzione dovrebbe essere garantito e finanziato dalle istituzioni e prevedere un pool di esperti a tempo pieno.

I Signori Rossi è il primo movimento di cittadini in Italia contro la corruzione.

Tra i suoi servizi garantisce da circa 2 anni lo sportello SOS CORRUZIONE per assistere i cittadini che vogliono denunciare casi di corruzione. Con questo servizio abbiamo messo a disposizione di tutti le conoscenze acquisite e la solidarietà ricevuta nel corso del processo partito dalla testimonianza di Raphael Rossi, allo scopo di facilitare le denunce da parte di cittadini e amministratori.

Possiamo contare su un team di esperti tra cui profili giuridici, psicologici e amministrativi ai quali poter chiedere aiuto nel caso in cui un cittadino si trovi di fronte a un episodio di corruzione.

Al fine di poter garantire un servizio più efficiente e in occasione dell’uscita del libro “C’è chi dice no” lanciamo in maniera aperta e pubblica una campagna per la ricerca fondi rivolta alla rete di enti e soggetti non profit che già operano sui temi della legalità e della giustizia.

Non chiediamo, cioè, donazioni ai cittadini ma desideriamo che l’esperienza realizzata finora sia presa in seria visione da partiti politici, fondazioni, università, apparati ministeriali, associazioni per la legalità.

Siamo, cioè, disposti a intraprendere un percorso di progettazione comune che permetta di valorizzare l’esperienza di SOS CORRUZIONE (le competenze della rete coinvolta, il materiale informativo già realizzato, la visibilità del servizio tra i cittadini e tra i media, la maturazione della sperimentazione)  in modo da costituire un antidoto decisivo al dilagare della corruzione in Italia.

Lo facciamo in maniera pubblica perché abbiamo più volte chiesto sostegno e collaborazione a soggetti pubblici e non profit senza però riscontrare esiti positivi.

Ora, però, le forze per gestire lo sportello nel tempo libero e volontario sono davvero al limite, anche per la complessità del servizio e per lo sforzo richiesto, in primis agli avvocati, tra cui segnaliamo l’estrema disponibilità di Giovanni Giaretti e di Bruna Puglisi, e poi ai numerosi volontari che si sono succeduti nella segreteria dello sportello, tra cui Sara Sais, Loretta Junck, Maddalena Antognoli, Elisa Martino e Massimiliano Orlandi.

Vi preghiamo pertanto di segnalare con un’email un eventuale interesse ad accompagnarci nello sviluppo del servizio SOS CORRUZIONE e, in generale, a proseguire la nostra lotta per la diffusione dell’etica nella pubblica amministrazione.

Potete scriverci a soscorruzione@gmail.com renderemo ovviamente pubbliche eventuali proposte di collaborazione.

Grazie per il sostegno (e per divulgare questo appello)

Alberto, Raphael e Stefano

75 Commenti a “Sostieni SOS corruzione”

  • Buon giorno, su milano non c’è ancora nessun legale? grazie: marina varriano

    • Raphael Rossi:

      Cara Marina Varriano, su Milano ancora nessuno. Però abbiamo una rete, il cui obiettivo non è fare publicità ad un legale ma sopratutto capire e chiarire i dubbi ricorrenti in tema di corruzione e poi se occorre sostenere in tutti i modi possibili chi si trova di fronte ad un caso di corruzione.

  • paolo:

    e’ lodevole la vostra iniziativa, ma sarebbe piu’ efficace se la rete di assistenti avvocati fosse un po’ piu’ esteso. Io ad esempio avrei bisogno di qualcuno che abbia lo studio a roma ( o meglio in zone limitrofe) e nella provincia di ancona (o zone limitrofe) nel caso dovessi avere la necessita’ di un contatto diretto, dato che e’ ragionevole supporre che quando si rendano note delle indagini compiute su questo campo si senta il bisogno di vedere la personaa cui affidare il loro destino .
    Percio’ vi faccio i complimenti per l’iniziativa, ma spero di avere qualche indicazione utile perche’ non e’ effettivamente una passeggiata denunciare fenomeni di corruzione, soprattutto in un paese che e’ stato definito la culla della mafia. E non aggiungo altro, perche’ a quella esternazione non c’e’ mai stata alcuna replica da parte di nessuno (ovviamente…)

    attendo vs. notizie e vi invio i miei saluti.

    Paolo

    p.s.: la speranza e’ l’ultima a morire e’ un motto che non muore mai, pur essendo ormai in uno stato prossimo alla disperazione….

    • Raphael Rossi:

      Caro Paolo,
      Grazie della tua testimonianza, noi non siamo uno studio legale ma un movimento civico, in questo momento con i tecnici (giuridici, amministrativi, psicologi) abbiamo scelto di rispondere pubblicamente a delle domande di approfondimento sul tema. Il nostro obiettivo non è quello del patrocinio legale, ma di un sostegno che collettivamente il gruppo dei tecnici può dare al cittadino che vuole denunciare la corruzione. Nel contatto vediamo poi se possiamo essere utili con gli strumenti che abbiamo (tecnico, mediatico etc). Se poi avrai bisogno di un patrocinio legale ti consigliamo di andare al consiglio dell’ordine degli avvocati della tua città e chiedere di segnalarti un legale che abbia esperienza in materia.
      In ogni caso il tuo suggerimento di allargare il gruppo dei tecnici è molto ben accetto, sono sicuro che con il tempo avremo nuove disponibilità e potremo essere ancora più utili.
      Buona fortuna.

    • pass:

      ho letto il tuo appello paolo e , se pure sia trascorso a ben vedere oltre un anno, mi chiedevo se nel frattempo avevi trovato uno studio legale a cui affidare il tuo caso. Te lo chiedo perche’ mi sono imbattuto in casi di avvocati corrotti , e si da il caso che interessi pure a me qualche nome nella regione marche e nel lazio , pur se nel mio caso avrei bisogno magari che abbia qualche preparazione in materia di lavoro (fermo restando che questo secondo aspetto sia in qualche modo secondario rispetto all’esigenza primaria di potermi avvalere di professionisti antagonisti della corruzione , della mafia, della criminalita’.
      spero di avere qualche lume .
      saluti

      • PAOLA VEGLIANTEI:

        ti consiglio l’avvocato GIORGIO CARTA trovi anche la pagina su FACEBOOK

      • paolo:

        caro paolo , ho letto solo ora la tua attenzione per il caso di corruzione segnalato, e purtroppo non posso esserti di aiuto al momento perche’ sto ancora annaspando. tramite internet tempo fa avevo trovato uno studio specializzato , ma non riesco piu’ a trovarlo. Si trova di tutto ma in questo campo c’e’ estrema penuria

        saluti

  • Paolo Corvisieri:

    Innanzi tutto grazie di questa iniziativa, scoperta ieri su Report. Volevo chiedere, ma forse è più uno sfogo, come reagire a quella diffusa corruzione non palese, manifesta, ma strisciante, prima che materiale, corruzione del pensiero, dell’ essere e vivere nella società. Sono un medico di pronto soccorso, ad un tentativo di corruzione di un informatore farmaceutico prima, e poi di un avvocato poi per altre vicende, dove era palese il do ut des, è stato fin troppo facile rispondere ed avvisare il mio vecchio primario. Non concepisco il mettersi in vendita per ottenere benefici derivanti non dalle proprie capacità, dalla propria professionalità, ma dalla posizione di “privilegio” ricoperta. Ma il vivere quotidianamente una realtà dove nulla è a posto, come dovrebbe, dove chi gestisce posti con responsabilità amministrative superiori alle mie, sempre più su, fino alla amministrazione regionale della sanità, lascia le cose in sospeso, non assume (a tempo determinato ovviamente)ad esempio, persone per colmare le carenze di personale, dove la fatiscenza delle strutture non viene sanata, perché i fondi sono devoluti verso altri canali, dei quali non si sa nulla e coperti dalla omertà dei direttori sanitari e primari i quali sono conniventi al solo fine di venire riconfermati…

  • sono un imprenditore di arezzo sono un dirigente di associazione di imprese e proprio ieri sera a report ho seguito la vostra iniziativa, complimenti per aver organizzato,sostenuto e divulgato bene avendone ricevuto molti consensi. L’argomento è dilagante e in continuo aumento, per quel che può servire un semplice apprezzamento a tale iniziativa mi associo e rinnovo i complementi; sono disponiobile a sostenere gli organizzatori ad andare avanti, confermo appoggio morale e se serve anche economico. credo che molti cittadini onesti se ne verranno a conoscenza si uniranno a voi. un saluto cordiale Ivo

  • Dopo aver visto il servizio di report, mi metto a disposizione come legale, qualora vi servisse una mano in generale, o per formare un gruppo a Milano in particolare.
    Complimenti.
    Un caro saluto.

    Avv. Paolo Fortina

  • Mariano:

    Vorrei porre l’attenzione su un punto. Informare è assolutamente un passo fondamentale, però, non può essere l’unico. La corruzione è qualcosa che nel nostro Paese esiste credo da secoli, le dinamiche degli ultimi venti anni ha portato questo fenomeno che, ha raggiunto proporzioni incredibili, alla ribalta. Oltre l’informazione sarebbe costruttivo iniziare a proporre delle soluzione a questo fenomeno che, se non erro un’autorevole fonte istituzionale ha stimato in un giro d’affari di 60 miliardi di euro annui ( denaro pubblico che diventa denaro sommerso). Visto che il movimento è nato spontaneo potrebbe altrettanto spontaneamente inziare ( se già non lo faccia) a proporre soluzioni. Grazie. Mariano

    • Anonimo:

      L’unica soluzione è quella di diffondere una cultura contro la corruzione, far sì che sia normale rispettare le regole, le persone, rinunciare ai privilegi. La corruzione esiste da moltissimi secoli, ma sta a Noi assumerci la Responsabilità in prima persona per arginarla. Nella nostra quotidianità dobbiamo vivere in maniera onesta e trasparente e controllare l’agire politico.

  • massimiliano carletti:

    Complimenti per il servizio molto efficace e corretto.
    Ho visto il servizio ieri sera di Report.
    Queste trasmissioni e le VS iniziative vanno incoraggiate.
    La corruzione e la prevaricazione con veri e propri ricatti da parte di CORPORAZIONI anche statali e’ dilagante.
    Una questione di moralita’e giustizia, cosa che molte persone spesso perdono.
    Sono un medico e spesso nei concorsi, e negli avvisi pubblici mi vedo persone con meno punteggi balzarmi avanti in graduatoria. Allora a spese mie faccio ricorso, spese legali su spese legali alla fine vinci e poi ti fanno un contratto a 3 mesi. Poi nessun rinnovo, oppure il concorso che puntualmente vince il raccomandato di turno , oppure ancora peggio il dirigente responsabile in questo caso il primario ti da’ la ” non idoneita’” all’impiego perche ‘ hanno trovato diverse “forme” per ” incastrare” chi non si vuole in quel reparto.
    Un po’ la storia dei ricercatori che fuggono dall’Italia , chi resta in Italia per motivi diversi, poi alla fine ricopriamo i posti piu’ umili ma lo stesso dignitosi.
    di questo passo, avremo in futuro una categoria di raccomandati ed i servizi che diventeranno sempre piu’ impegnativi.Il mio commento alla VS iniziativa e’ positivo.
    Grazie a risentirci.

  • Elia Rosciano:

    Salve.
    Sono un avvocato di Napoli e sarei felice di poter contribuire alla vostra iniziativa, nei cui valori credo molto, per motivi morali, etici e giuridici che, in questa sede, sarebbe ripetitivo enuclearvi. Per ogni contatto, sarò felice ed onorato di avere un vostro riscontro. Grazie.

    • Raphael Rossi:

      grazie caro @Elia Rosciano, ti contatteremo al più presto. Servono volontari, servono signorirossi, corretti e non corrotti che vogliono dare una mano in questa impresa.

  • @Massimiliano Carletti. La tua è una storia ahimè molto diffusa. In Italia non sempre vale il merito delle “competenze”, ma il merito delle “conoscenze”. Se tu avessi una storia documentata di illegalità in questo contesto, comunicala: anche se non collegata direttamente alla corruzione o alla concussione, capiamo insieme come possiamo aiutar-ci

  • simona scaglia:

    Io sono un avvocato civilista e probabilmente l’aspetto piu’ problematico per i signori rossi e la parte della denuncia. Tuttavia , ove occorrer possa, la mia esperienza è a vostra disposizione.
    Sono felice del fatto che in Italia qualcuno avverta la necessità del cambiamento.
    Simona , Brescia

  • Sono Mariagrazia e sono anch’io un signor Rossi lo sono sempre stata, sono un Avvocato che opera fondamentalmente a Taranto e provincia di Matera anche se ho contatti anche al nord dove ho vissuto parecchi anni.
    Mi occupo di Diritto Penale e dell’Immigrazione e mi piacerebbe essere una longa manus della associazione anche perchè provengo dal meridione, terra disastrata dalla corruzione, qualora vi servisse il mio aiuto sarei onorata.
    In attesa del vostro gentile riscontro vi porgo distinti saluti.

    Avv.Mariarazia Stigliano

    P.S.:vi ho conosciuto grazie a Report ,è stata interessantissimo.

    • ale:

      sono un cittadino resid. nella Sua area, vorrei comunicarLe che esiste qualcuno che possiede dei poteri straordinari nel corrompere chiunque, principalmente giudici e avvocati, e che nessuno è riuscito a denunciarlo anche perchè ha alle sue dipendenze persone pregiudicati che con le minacce ed avvertimenti ti mettono a tacere. Tante persone hanno subito e non reagiscono per paura, intanto il PRINCIPALE (nullatenente) (ma ultratenente) (società prestanomi) vive da nababbo.
      Disponibilissimo, purchè si faccia giustizia………..Ale. (anonimo?)

  • marco:

    Complimenti vivissimi, bravi
    Per quanto possibile mi rendo disponibile per sostenere il Vostro Movimeto.

  • @Simona Scaglia. Grazie per la disponibilità. Ti inseriamo assolutamente fra i professionisti disponibili. Facci sapere in quale area d’Italia operi. Come vedi dai commenti, sono molti quelli che cercano riferimenti in varie parti d’Italia

  • @Mariagrazia. Anche a te va il nostro ringraziamento per la disponiblità. Sopratutto perchè arriva dalla Puglia e Basilicata, splendide terre, violentate sì dal malaffare, ma con tantissima gente pronta a darsi forza per combattere l’illegalità.

  • Giuseppe:

    Anch’io ho avuto il piacere di conoscere “signorRossi” grazie alla puntata di Report di ieri sera e questa mattina mi è subito venuta un’idea che contribuisca alla conoscenza nel vasto pubblico di questa doverosa iniziativa.
    Come sapete in India proprio in questi ultimi mesi si sta combattendo una grande battaglia di civiltà contro la corruzione a capeggiarla è Anna Hazare, che ha intrapreso un lungo e duro sciopero della fame per ottenere dal parlamento indiano una commissione mista di esponenti della società civile ed esponenti del parlamento che prepari un disegno di legge anti corruzione. Ebbene si potrebbe far venire in italia il signor Hazare per farlo partecipare a qualche convegno sul tema in giro per l’italia. Sono convinto che avrebbe un significativo ritorno mediatico e quindi di sensibilizzazione civile riguardo al problema.

  • benassuti maria luisa:

    abito a verona zona fiera. In data 4/11/2010 mi è stata verbalizzata una multa per divieto di sosta in zona disco orario solo durante la fiera. Io l’ho contestata in quanto l’auto era munita di contrassegno esposto sul parabrezza. Essendo residente , come detto sopra, in zona fiera , ho diritto alla sosta di tipo A-sosta gratuita. La multa è stata immediatamente contestata al verbalizzante che, consultatasi con il collega e constatato personalmente che il contrassegno era esposto , l’ha ritirata, allegando la foto del pass esposto ( foto che il vigile stesso ha provveduto a scattare). Dopo circa un mese mi è stata recapitata nuovamente a casa maggiorata delle spese di spedizione.A questo punto mi sono recata al comando dei vigili di verona che mi hanno consigliato di fare ricorso al giudice di pace. Così ho fatto’ ma per ricorrere ho dovuto sostenere la spesa di 33 euro della marca CUIR. Faccio presente che io, in caso di vittoria, chiedevo il rimborso delle spese, perchè la multa non l’avevo ancora pagata. Oggi, 30/maggio/2010 mi viene comunicato che il G.d.P. accoglie il ricorso avverso il verbale n.10010957 emesso dal P.M. del comune di verona, ma che le spese sono compensate. A qusto punto traggo la conclusione: era meglio avessi pagato la multa che era di 34euro anche se ingiustamente, invece che pagarne 33e non solo, aver perso 3 o 4 giorni per niente e aver pagato soldi deli biglietti autobus per spostarmi e andare sbattuta da un ufficio all’altro perchè nessuno sa niente. Non è forse una truffa questa! LUISA BENASSUTI

  • franchetto:

    lodevole e meritevole di essere sostenuta la vostra iniziativa. non sono professionista, bensì pensionato e consigliere comunale in un piccolo comune della provincia di udine qualche porchieria la vedo anche io

  • Andrea:

    Buongiorno, dopo aver visto il servizio su Report ieri sera vi contatto per mettermi a Vostra disposizione fosse necessaria anche la figura di un tecnico che lavora nel campo dell’edilzia visto che come lavoro faccio l’architetto e che la corruzzione con annesse tangenti è stata dilagante in questo campo e tuttora sopravvive bene.
    Cordiali saluti e complimenti.

  • Mauro:

    Sono Mauro ho denunciato una associazione ONLUS di Udine denominata SNARP assieme ad un avvocato sono stati rinviati a giudizio ma non ho molte speranze visto la corruzione di avvocati e della giustizia Italiana sono passati quasi 10 anni io ho perso tutto vi auguro tanta fortuna e giustizia

  • Luigi Gianluca Pio FALCO:

    Buongiorno,
    dopo il servizio di Report, stamattina mi sono sentito “meno solo”.
    Sono un dottore Commercialista (30 anni) di Cerignola (Fg) che stanco dei “soliti noti” e solito “tutto”, dopo la laurea…sono andato in lungo e largo per L’Italia a cercare di fare bene il lavoro che amo .
    Resto a vostra completa disposizione (qualora lo desideriate) per ogni intervento che possa migliorare, diffondere, sostenere l’iniziativa del Sig. Raphael Rossi.
    Ho anche con competenze in management delle Amministrazioni Pubbliche ( Borsista del Master in Diritto Amministrativo e Management delle Amministrazioni Pubbliche- Univ Trento- Tirocinio presso Direzione Generale del Comune Di Trento) .
    Dobbiamo diffondere questa iniziativa tra noi “giovani”, perchè l’alibi ” che nn c’è lavoro in Italia e si deve andare all’estero”, mi ricorda anche le politiche di migrazione coatta che L’italia faceva tra fine ‘800 e ‘900!!
    Da ex scout( ma scout si rimane tutta la vita) sia lodevole adoperarsi “per lasciare questo mondo un po meglio di come l’ho trovato”-Robert Baden-Powell.
    Grazie

  • paly:

    Ho visto il sito in tv ed è stato molto bello e toccante per chi ha una coscenza pulita e sogna la giustizia.
    Diffondiamo sempre più il senso di giustizia e lealtà facciamo sentire a chi è corrotto che è una merdaccia, seminiamo ora per raccogliere domani, questa corruzione è una piaga che non guarisce in fretta, ma ci vuole l’impegno di tutti per far cambiare la mentalità e di conseguenza far si che cicatrizzi.
    Facciamo sempre sentire alta la nostra voce, parliamone sul web, in tv, dal barbiere nei supermercati, piazze al mare ovunque, facciamoli sentire delle cacche.
    Pretendiamo che il governo faccia delle leggi veramente forti e severe per scoraggiare chiunque voglia intraprendere quella via.
    Ce tanta sete di giustizia da parte della maggior parte delle persone non stiamo zitti facciamo sentire la forza della nostra voce più potente di mille uragani che nessuno potrà mai far tacere. forza!!!!

  • sergio:

    GRAZIE DI ESISTERE

  • Mino Giunti:

    E’ l’ora della riscossa.Diamo un senso civico alla nostra vita per il futuro dei nostri figli.
    Viva Internet e la libertà che questo mezzo ci concede, nonostante si cerchi di oscurare questo mezzo.Grazie a Report che ci ha fatto conoscere questo sito.
    Mino

  • Bravissimi, io rappresento un comitato che si è formato soltanto qualche settimana fa: ci opponiamo alla costruzione ventilata dall’Amministrazione Comunale di un nuovo condominio in Via Riberi ang. Via Gaudenzio Ferrari, proprio a ridosso della Mole Antonelliana. Il nuovo edificio nasconderà la Mole dall’unico lato da cui se ne poteva apprezzare tutto il prospetto architettonico. L’Amministrazione Comunale ha venduto all’asta l’area a privati e poi ha concesso, grazie ad una vriante di PRG, il permesso di costruire tre volte la cubatura attuale!! Quindi per “fare cassa” il Comune sta vendendo una delle prospettive più significative della città.
    Vi pare regolare una simile procedura? Noi abbiamo già raccolto quasi mille firme e presenteremo una petizione alla nuova amministrazione, ma temo che la pratica sia già molto avanti. Potete darci qualche consiglio?
    grazie

  • giuliano bottoli:

    Sono un pensionato di Parma,dopo avere visto il servizio su REPORT e letto sul

  • complimenti , spero che con un piccolo aiuto da parte di molti si riesca a ridare dignità a questo Paese , non mollate !

  • giovanni fioresta:

    Salve a tutti e veramente complimenti per l’iniziativa.
    Io sono un avvocato che esercita a Catanzaro, ma posso coprire anche buona parte della Calabria.
    Se serve sono a Vs. completa disposizione, anche perchè il fenomeno corruzione dalle mie parti è praticamente istituzionalizzato.
    In ogni caso, buon lavoro a tutti in questa impresa titanicamente utopistica.
    Giovanni

  • .:

    Un consiglio: per evitare spam, inserite un captcha.. =)
    Continuate così! :D

  • Avete pensato ad un modo di collaborazione più strutturato? Intendete farlo? Vi serve collaborazione anche da associazioni come la ns.? Ho raccontato e vi ho inviato la mia storia in cui chiedevo collaborazione … ma adesso che succede? Non richiedo l’intervento di un esperto ma sapere se esistono storie uguali alla mia anche per intraprendere e dare vigore alla class action che non può essere solo l’attuale legge …. comunque sono a disposizione. Non credo che basti solo la rete, i social network sono utili ma non possono essere tutto; ci vogliono anche luoghi fisici di incontro e momenti stabili, pratici e accessibili di “reciprocità organizzativa” ..
    sandro pres.te sos handicap bambini invisibili onlus Venezia
    http://www.handicapfacilitazione.it

  • barbara:

    L’ideatore di questo blog dovrebbe ritenersi molto fortunato, noi in sessanta giovani laureati in architettura che dal lontano 2000, denunciamo segnaliamo incarichi di consulenza, imposiziozione a imprese edili di acquisto un solo tipo di materiale, solo quella marca. i tecnici dipendenti dello Stato che impongono l’acquisto di una marca, solo quella, vi sembra nomale? Obbligati a pagare le tasse, senza nessun ritorno.
    Questo Stato, come lo Stato della Russia, riconosce il ‘diritto’ quello stabilito e osannato dai Costituenti solo alle fidanzate, figlie…

  • gentile maurizio:

    La mia mail non correlata alla corruzione, ma ad una vicenda che è stata resa pubblica da lla trasmissione “mi manda rai tre” era il caso di una bimba di torino sottratta dal tribunale ai suoi genitori senza un motivo valido, la bimba in istituto ha tentato più volte di fuggire e poi ha tentato il suicidiO, ora le danno tranquillanti, è un’ingiustiza togliere i bimbi nelle famiglie dove stanno bene e farle suicidare iin colleggi dove hanno anche tentato violenza sulla minoire. VOLEVO SENSIBILIZZRVI SU QUESTO EVENTO CHE MI RATTRISTA OGNI VOLTA CHE LO PENSO, E’ CHIEDERVI VISTO CHE OPERATE A TORINO DI INTERESSARVI AFFINCHE’ TORNI DAI GENITORI.
    eRA VERGOGNOSO IL DISTACCO DELL’ASSESSORE AI SERVIZI SOCIALI DI TORINO, NON SI PUO’ PERMETTERE A TALI PERSONE DI DECIDERE SU COSE COSI’ IMPORTANTI.
    PENSO CHE SI POSSA ANCHE FAR CAUSA AL COMUNE E ALLA COMUNITA’ PER I DANNI ARRECATI ALLA PICCOLA
    PER MAGGIORI INFORMAZIONI CHIEDETE ALLA REDAZIONE DELLA TRASMISSIONE.

    SPERO CHE FACCIATE QUALCOSA VOI PER AIUTARE QUESTA BAMBINA.

    CORDIALI SALUTI

    GENTILE MAURIZIO

  • Remo Roddi:

    ..grande progetto e nobili prospettive per i cittadini. Ora però sperò che non sia la solita propaganda utile solo a far conoscere un’entità che poi per rimanere sulla cresta dell’onda si dimentica dei veri nobili propositi che si prefiggeva sul nascere. E purtroppo temo che sia come al solito; “fatti il nome e poi fregatene”.

    Attualmente (31/05/2011 ore 13.22 ) Sono più di ventiquatto ore che ho sottoposto ed inviato la mia vicenda all’attenzione del movimento, ma nessuno mi ha risposto, neanche il server in automatico. Che delusione.

    Siamo sempre più soli in un mondo dove regna la legge del più “forte” nel senso che ti puoi difendere e vincere solo se sei ricco ed hai maggiori possibilità, calpestando anche i più indigenti.

    Grazie; ci avevo creduto anche se per un po’.

    Remo Roddi

  • katia signorarossa:

    caro giovanni fioresta, allora hai letto ” la giustizia è una cosa seria”! bravo e grazie per metterti a disposizione. grazie

  • luca granato:

    salve mi chiamo luca e vi scrivo da roma, stò cercando da molto tempo informazioni
    su un locale commerciale dato in affitto da poco tempo di proprietà delle ferrovie dello stato.
    mi spiego meglio:
    all’interno di una stazione vi era un locale abbandonato da moltissimi anni , molto grande , dopo varie verifiche scopro io per conto degli amici che erano interessati ,che questo locale è di proprietà delle ferrovie dello stato, quindi ci rechiamo agli uffici delle ferrovie e mi rispondono che il progetto è di fare un appalto per farci aprire un bar , tavola calda ecc, e che quindi non potevano aprire una trattavita riservata in quanto era obbligatorio una gara di appalto , la cosa più strana è che all’improvviso esce fuori una ditta ed incomincia i lavori di restauro e succesivamente apre il bar ; ora io vi domando a voi è mai possibile che un singolo cittadino non riesce ad informarsi per capire se le cose sono andate regolarmente?
    qualcuno può aiutarmi?
    grazie luca

  • emilio:

    anche io ho cose da raccontare, vergognose, dove i dirigenti di un ente statale fanno i loro porci comodi, dove un dirigente ha fatto la casa con i mattoni destinati alle case popolari, dove questo dirigente prima faceva iniziare i lavori di costruzione e poi faceva fare la gara di appalto..naturalmente immaginate chi vinceva!..so per certo che sono stati settimane a rifare e ritoccare i conti x farli tornare a loro comodo..vorrei denunciarli ma ho paura che finisca in niente e che ci rimetta dei soldi..vorrei fare un esposto ma non so come farlo…ci sentiamo presto..EMILIO

  • Ennio Alessandro Rossi:

    VEDI Proposta di LIBERA BRESCIA che potrebbe essere già contrualizzata con il candidato nel senso : “o accetti di sottoscrivere questo impegno o non ti do’ il voto”

    http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=14706

  • Daniele:

    Anche noi possiamo dare una mano volontariamente a chi intendesse denunciare casi di corruzione nella pubblica amministrazione, ci troviamo a Nuoro. Solamente così possiamo ridare certezza del diritto a tutti quelli che quotidianamente hanno a che fare con questo marcciume. Per risanare il defict-pubblico è roa di inizziare a parlare dello SPERPERO DI DENARO PUBBLICO OLTRE ALL’EVASIONE FISCALE.
    Meno sperperi e ruberie nella p.a. — meno evasione ed il problema del deficit sarebbe risolto.

    Saluti

    M lo sperpero e le rubberie nella pubblica amministrazione.
    DENUNCIATE.

    Saluti

  • giuseppe:

    Caro Raphael ,
    la tua storia è sorprendente! Dalla Sicilia al profondo Nord siamo inguaiati. La mentalità che favorisce le varie mafie è questa , e dove non ci sono ci sono le mafie in colletto bianco. Un sistema per dirla con Saviano. E’ ora di dire basta perchè il paese affonda , mentre la gente perde il posto di lavoro , i giovani non lavorano e quindi non possono creare una famiglia(ricordate i fannulloni e i bamboccioni?), mentre si distribuiscono soldi pubblici ad amici e affini. I sacrifici non sono uguali per tutti. Statali con blocco di progressione carriera per tre anni e blocco calcolo pensione …Ci vuole uno scatto di orgoglio per togliersi di dosso questi parassiti!

  • emilio:

    buongiorno a tutti…cavolo!!!..da tempo sto cercando qualcuno che mi dica come denunciare atti di corruzione in azienda pubblica ma nessuno mi ascolta…come posso fare???..mi aiutate???????

  • Finessi Roberto:

    Mi chiamo Finessi Roberto ho 63 anni, sono discoccupato, ma non perche lo voluto io, purtroppo, sono finito nella corruzione, nei tangentari, e quindi dopo avere visto trasmissione tv. report 29-05-11 ho deciso di scrivere.
    Sino al 28-09-05 guardia giurata della Coop. Colas (Ciclat – CISL) Ra, denuncio presso la vigilanza guardie che truffavano in Conserve Italia (Pomposa Fe) l’azienda non prende provvedimenti, allora denuncio il tutto al direttore di Cons. Italia, licenziato senza preavviso il 29-09-05 con false testimonianze da parte del direttore vigilanza del coordinatore e 2 guardie giurate.
    Accuse: 2 dipendenti di Cons. Italia mi hanno visto dormire in servizio di notte,
    testimoni: non e vero, non abbiamo mai visto Finessi dormire (questo rapporto fatto dalle 2 guardie giurate, denunciati falsa test.: assolti, il fatto non sussiste denunciato il diret. vigilanza: archivato denunciato coordinatore: assolto
    sentenza guidice del lavoro: sono socio della Coop. Quindi esclusione va bene, testimonianza Bertini Barbara del C.D.A. Coop., accettavamo domande orali in quanto non avevamo domande scritte: falso, ho la domanda scritta proprio dalle mani della Bertini ora denunciata, ma anche questa denuncia penso che non andra a bon fine, la Coop. ha fatto questo perche sapeva benissimo che godono di protezione, da quello che ho capito da report ci sono dentro tutti, procure – governo (destra-sinistra) giornalisti, le due guardie giurate assalti, ho denunciato P.M. procura Ravenna giudice al C.S.M. ministero giustizia – ministero finanze, ma io dico, a che livelli e arrivata la corruzione in Italia c’e stato un aumento del 230% sappiamo benissimo cosa facevano le Coop. 20 anni fa, ma se qualcuno pensa sia cambiato qualcosa, ebbene, si sbaglia di grosso padroni delle Coop. sindacati.
    Bonanni della CISL. intervistato il 28-05-2011 parlando in favore degli operai , cosa dice? Bisogna dare lavoro, bisogna combattere l’evasione fiscale, ma come si permette costui quando loro (sindacati) sono i primi evasori e tangentari, e gli operai credono ancora a cotoro.
    E molto difficile scrivere tutto per mail e quindi finisco, io attualmente abito in Ungheria do numer telefono avvocato e mio.
    Avvocato Reggiani Alesssandro via Brunelleschi N. 119 48124 (Ra) 0544401498
    E-mail: (PEC) avv.reggiani@legalmail.it
    Finessi Roberto 0036309926576
    Grazie per l’attenzione

  • antonio:

    egr. sig. raphael ho seguito la sua storia su report. Il suo gesto è lodevole come pure l’iniziativa di creare un sito contro la corruzione. Probabilmente anche altri, vivendo una situazione simile alla sua, hanno creato un sito per combattere l’illegalità. Ma tutte queste iniziative, alla fine, non hanno nessun effetto pratico sulla nostra società.
    Cosa è cambiato da quanto è nato il suo sito? Nulla. E lo stesso dicasi per gli altri siti.
    Una cosa concreta si potrebbe fare. Far sì che tutti i partecipanti alle vostre iniziative, facciano sentire concretamente la loro voce. Spiegarle adesso i miei progetti sarebbe impossibile, soprattutto perchè andrebbero spigati a voce. Se solo riuscissimo ad organizzare un incontro con tutti i capo gruppo, come lei per il suo, e discutere sulle possibilità che tutti insieme abbiamo di riuscire a far rinascere il nostro paese, sarebbe una gran bella cosa. Io ci stò provando ma ho bisogno di qualcuno che mi aiuti e che mi dia voce. Proviamoci, si può fare!
    saluti
    antonio la torre
    san severo FG
    335 6180683.

  • emilio:

    vorrei denunciare atti di corruzione e ruberie varie in azienda statale della prov di massa carrara, ma visto che siamo in Italia non vorrei ritorsioni…qualcuno mi aiuta?…

  • barbara:

    Una carissima amica ha pagato il sindacato per anni per poi essere diffamata.
    Usufruiscono di agevolazioni fiscali, prendono un contributo dallo Stato per il Caf, agevolano sorelle, mogli e tutto il corollario.
    Ribelliamoci ! Quante donne che vivono in miseria con figli a carico!

  • adorno:

    Vi scrivo per sapere se avete ricevuto la mia comunicazione del 24 o 25 giugno 2011.
    in essa Vi ho anticipato alcune vicende da me denunciate alla magistratura di Lodi.Mi sono limitato nel raccontare le vicende oggetto di esposti .Ora però ho ildubbio di non avervi inviato correttamente il tutto.Vi chiedo se avete ricevuto e compreso Vi richiedo come posso impedire che i fatti denunciati vengano tralasciati dall’essere giudicati. Grazie.Adorno Marazzina

  • giuseppe piras:

    Buongiorno,chiedo se avete un riferimento nel territorio regione Sardegna per l’assistenza in una denucia alla Procura di una vicenda di falso e truffa, già avvenuta in ordine alla esecuzione di un lavoro pubblico gestito da una amministrazione comunale e cofinanziato CEE. Denuncia che lo scrivente vorrebbe inoltrare in tempi brevi. Grazie per la cortese attenzione, giuseppe piras .

  • barbara:

    Si impone al cittadino, nella stesura dei capitolati di spesa l’acquisto di un prodotto dicono a base di calce… ripeto si impone. La Costituzione non recita l’imparzialità, pari opportunità? Con quale criterio questi stabilsicono che è l’unico prodotto consono? Questa storia, si riallaccia alla faccenda dei conferimenti incarichi di consulenza donate d’imperio alle fidanzate, figlie.
    Per ripetere, lo Stato sponsorizza l’acquisto di prodotti riferiti solo ad una marca!

  • Finessi Roberto:

    Penati (PD) sono uscite le Coop. e sopratutto le Coop. Emiliane, ma solo le Coop.? Ma le procure sopratutto emiliane cosa facevano? Chi nascondeva tutto? Ciclat (CISL) RA. E andata la guardia di finanza? Il C.S.M. a controllato? Il ministero giusticia a controllato? Volete le prove? Le ho. Assoluzioni, archiviazioni, scrivere il falso, da chi? Volete le prove?
    E corte appello Bologna?
    Spero che la procura di Monza, faccia il suo corso senza insabbiatura, cosi verra fuori tutto dalle Coop., evasione tasse, imps, inail, operai e molto di piu, volete le prove?

  • Domenico:

    Anche la corruzione va in ferie, mi duole notare che dal 18 luglio non ci sono stati più interventi sul cancro che corrode l’Italia e sicuramente il mondo intero o quasi.
    Sono convinto che solo col controllo popolare si può porre qualche freno a questa piaga.Bisogna incominciare dal controllo degli appalti nelle amministrazioni locali, quelli più vicini alle popolazioni. La tecnologia oggi offre gli strumenti adeguati. Per ogni appalto si dovrebbe creare un sito con tutte le informazioni utili affinchè i cittadini possano monitorare come vengono spesi i soldi della comunità. Chiedo al team di esperti è ragionevole questo approccio? E’ possibile rendere obbigatorio questa misura?
    Grazie.

    • Ragionevole è senz’altro ragionevole: è con la trasparenza, e soprattutto con la possibilità di un controllo diffuso, che si realizza il miglior controllo possibile sulle possibili derive. E a livello tecnico non sarebbe nemmeno così complesso.

      Il problema è e rimane politico, nel senso che per rendere obbligatoria tale misura è necessario procedere con una disposizione normativa specifica.

      Per altro si potrebbe ipotizzare una sorta di volontarietà, un codice di autoregolamentazione che le “volenterose” pubbliche amministrazioni potrebbero decidere di adottare in via autonoma, non essendo obbligate .
      Sulla falsariga di quel che è successo per il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria.

  • Corruzione-appalti truccati-tangenti-Alcatel-Telecom-False Fatturazioni

  • max:

    La corruzione nell pubblica amministrazione parte dal malcostume difuso che per vincere le gare d’appalto devi essere legato ai vari faccendieri che gravitano intorno al sistema degli appalti.

    Non esiste una gara che dal momento della pubblicazione non sia già assegnata! il meccanismo è ormai conseuetudine gli stessi enti che devono controllare i capitolati di gara e vigilare sugli stessi operano allo stesso modo.

    Molti dipendenti pubblici alcuni in maniera plateale hanno società di servizi o di comodo che ricevono subappalti dalle Aziende che vincono le gare ,basterebbe poco per verificare, ma le verifiche non le fanno.

    Potrei scrivere un libro sull’argomento! , ma già solo per il fatto che negli l ultimi 2 anni ho detto no a questo modus operandi ho grandi difficoltà a trovare un lavoro serio .

    • Jan:

      Ti capisco, dopo aver preso posizione in Cooperativa in riferimento ad un epidodio di tangente sotto forma di consulenza, ora sono da diversi mesi alla scrivania senza nulla da fare ed in attesa di trasferimento e demansionamento.
      Oltre alla corruzione, i corretti devono confrontarsi con le proprie aziende e con un sistema totalmente indifferente.
      Sebbene tutto ciò mi stia mettendo in seria difficoltà, resto e resterò un onesto.

      Cordialità

      Jan

  • pinto:

    Salve,
    da molto tempo segnaliamo episodi di corruzione e numerosi casi di nepotismo che rendono il clima di lavoro impossibile, agli uffici preposti al monitoraggio della tutela dell’ambiente di lavoro,.
    Questi uffici ci portano per le lunghe e nel frattempo palesano i nostri nomi.
    Il risultato è che siamo perseguitati e vessati dai responsabili che ne approfittano per negarci possibilità professionali.
    Adesso la situazione è molto difficile, perchè il tempo passa e le cose si aggravano.
    Potreste dare qualche suggerimento sul cosa fare o come fare, un aiuto?
    La sensazione di smarrimento in questo clima di pesantezza e oppressione dove la paura di lanciare nuove idee, ci accompagna perchè persone che operano con astuzia indisturbata sotto gli occhi di tutti, le usano in modo funzionale a produrre effetti di interesse personale finalizzati a determinare collateralmente situazioni di urgenza di richiesta di nuovo personale consulente, che di norma è sempre formato da familiari o persone care legate ai responsabili .
    Così accade che ci troviamo obbligati ad essere disponibili ed accondiscendenti con i familiari e necessariamente dobbiamo cedere le nostre conoscenze, se vogliamo continuare a rimanere l nostro posto, nel contempo che si presentino le opportunità per essere un pò alla volta sostituiti dai familiari.

    Quindi è facile immaginare come, le gare d’appalto siano in maggioranza pilotate e spesso preannunciate alle ditte fornitrici, che prendono accordi con i responsabili e sono sempre le stesse, tutte nelle stessa zona e dento ci lavorano una quantià di loro congiunti e familiari.

    • Domenico:

      Caro Signor Pinto, mi trovo nella sua stessa condizione.
      Spero comunque sia deciso a vender cara la pelle.
      Credo che l’unico nostro alleato, in questo momento, sia LA TRASPARENZA. Lasciamo perdere organizzazioni come TI, che si occupano di problemi di ordine planetario…, La invito invece ad approfondire l’argomento andandosi a leggere le normative, anche recenti, ed i Regolamenti interni alle Amm.ni, sull’argomento. Si tratta di battere un po’ (parecchio) i pugni per farli applicare NEL PROPRIO LUOGO DI LAVORO. Potrebbe anche riuscire a mettere qualcuno con le spalle al muro delle proprie responsabilita’.
      Potrebbe scoprire cose interessanti… ad esempio che i Sindacati, ma spero di sbagliarmi, non sono sempre dalla nostra parte… che i C .U.G. e gli O.I.V., nati per tutelarci, sono delle scatole vuote… e tanto altro ancora.
      Auguri.

  • Maria:

    Sono vittima di corruzione. Sono passati più di 2 anni e non riesco a trovare qualcuno che mi appoggi dal momento che si tratta di andare contro la regione, associazione di categoria e istituto bancario, spero di essere contattata al più presto, grazie

  • Sara:

    Come si fa a mettersi in contatto telefonico o a parlare con qualcuno di persona?

  • max:

    Beh, a leggere tutti i commenti devo dire che un altra pò di voglia di combattere mi è subito tornata! Ma poi ripensando alla mia incredibile vicenda giudiziaria mi son chiesto: ma a che mi sono servite le prove schiaccianti da mostrare in tribunale in tre anni d inferno, le schiere di testimoni a mio favore ( mai ascoltati dai giudici ), cosa sono serviti i 100.000 euro persi in avvocati , le mie aziende in ginocchio, quando gli stessi avvocati, giudici, carabinieri e procuratori sono legati tra di loro da una loggia di potere che non decide in base alla legge ?? Questo succede a Bologna e State certi che funziona cosi in tutto il nostro paese. Triste davvero…..e quello che ci uccide è l impotenza di poter difendersi da un sistema del genere e dover adeguarsi a questo schifo. Complimenti comunque per la vostra iniziativa.
    Un abbraccio di sostegno a tutti !!!!

  • michele:

    Possiedo una piccola ditta che si occupa di modeste forniture di vari materiali chimici a enti pubblici e da parecchi anni che mi arrivano gare d’appalto a cui non vale la pena neanche partecipare perche’ anche se non pilotate non sono formulate in modo che l’ente possa risparmiare ovviamente segnalando il problema all’amministrazione che ha redatto il bando non si viene presi neanche in considerazione voi sapete qual’e’ un ente dello stato preposto al monitoraggio delle gare a cui si possono indicare queste irregolarita’?

  • Finessi Roberto:

    Avete visto errani, presidente EmiliaroMAGNA Coop. politica “assolto” ma veramente pensate che in questo paese (il bel paese) ci sia stata o che ci sia una magistratura? A ragione pannella c’e qualche magistrato che vorrebbe fare il suo lavoro, ma non puo farlo (ci siamo capiti).
    Politici – magistratura, inginocchiatevi e chiedete perdono agli Italiani.

  • Sono a disposizione come legale e anche per dare una mano ad organizzare attività di volontariato soprattutto in Toscana. Forse abbiamo bisogno di più attività sul territorio, di visibilità perché la gente possa sapere dove rivolgersi e a chi affidare la propria denuncia.
    Un caro saluto,
    Avv. Giovanni Livio Sammatrice
    Grosseto

  • mariella:

    salve sono una mamma di 33 anni raggirata per 6 anni da avvocati e giudici..con un licenziamento ingiusto durante la maternita’..con contributi mai versati con contratti dichiarati nulli dal giudice stesso ma mai riconosciuti…oggi dopo 6 anni il mio secondo avvocato si dichiara sciolto da ogni impegno nei miei confronti….perchè offeso(perch’ io attraverso un imail chiedevo dei chiarimenti sulla mia sentenza definitiva ).ora io dico come puo’ il tuo avvocato farti scadere tutti i tipi di termini e fare entrare con il suo ritardo l’azienda in licquidazione???danneggiando me’?la risposta è semplice corruzione…. chiedo vostro aiuto da palermo…

  • vittoria prosperi:

    Sono vittima di una giudice che mi distrugge economicamente con sanzioni per lite temeraria per aver chiesto di accertare la nullità di un decreto di trasferimento che è rivolto ad un esecutato che non è più comproprietario della mia abitazione familiare ma che è stato utilizzato come titolo esecutivo per un precetto di sloggio ai miei danni che l’ufficiale giudiziario ha eseguito con l’ausilio della forza pubblica. Gli avvocati non trattano verbalmente la questione e ad ogni opposizione sono 16.000,00 euro sono già a 70.000,00 euro di sanzioni senza una risposta.
    Esiste ancora un avvocato perbene che mi voglia difendere?

Lascia un Commento